Avvocato Giuslavorista su Bergamo e Provincia

L’Avvocato Convertino offre assistenza in ambito di:

  • Mancato Pagamento dello Stipendio, Cassa Integrazione e TFR 

  • Mancato Pagamento di Parcelle e Fatture

  • Infortuni sul lavoro

  • Mobbing, Licenziamento Illegittimo, Contestazioni Disciplinari

  • Contratti di lavoro, Mansioni e Lavoro Nero

  • Trasferimenti d’azienda e di lavoratori e Cessione del Contratto di Lavoro

COMPILA IL MODULO A DESTRA PER FISSARE UN INCONTRO CONOSCITIVO GRATUITO CON L’AVVOCATO

giuslavorista

Avvocato Giuslavorista: Alcune Informazioni Generali:

Il diritto del lavoro è il complesso di norme che disciplinano il rapporto di lavoro e che tutelano l’interesse economico, la libertà, la personalità e la dignità del lavoratore.

Il lavoro nella COSTITUZIONE

  • ART.35: tutela il lavoro, la formazione e l’elevazione professionale dei lavoratori;
  • ART.36: definisce i criteri di determinazione della retribuzione, che deve essere proporzionata alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, e stabilisce l’inderogabilità del riposo settimanale e delle ferie annuali, nonché stabilisce che la durata massima della giornata lavorativa deve essere fissata dalla legge;
  • ART.37: garantisce alla donna lavoratrice gli stessi diritti e, a parità di mansioni, la stessa retribuzione dei lavoratori;
  • ART.38: garantisce al lavoratore forme di assistenza sociale a tutela dei rischi che possono minare la sua capacità lavorativa;
  • Gli ART.39 e ART.40 tutelano l’attività sindacale e il diritto di sciopero.

RITO DEL LAVORO (ARTT. 409 ss. C.P.C.)

  • Proposizione del ricorso con iscrizione a ruolo mediante deposito presso la cancelleria del giudice del lavoro
  • Entro 5 giorni il giudice fissa con decreto la data della prima udienza
  • Copia del ricorso e del decreto vengono notificati dal ricorrente alla parte resistente almeno 30 giorni prima dell’udienza
  • Il resistente si costituisce mediante deposito in cancelleria della propria memoria difensiva entro 10 giorni prima dell’udienza
  • Udienza di discussione: il giudice interroga liberamente le parti e tenta la conciliazione. Se riesce, viene redatto il verbale che costituisce titolo esecutivo. Se non riesce, continua l’udienza di discussione, durante la quale il giudice può ammettere i mezzi di prova richiesti dalle parti. Se richiesto dalle parti, il giudice può assegnare un termine per il deposito di note difensive e rinviare ad un’udienza successiva per l’ammissione dei mezzi di prova
  • Discussione orale delle parti e precisazione delle conclusioni
  • Pronuncia della sentenza mediante lettura del dispositivo con esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione
  • Deposito della sentenza e comunicazione alle parti

 

 

Scarica il DEPLIANT “LAVORO”

 

Articoli Correlati:

 

TORNA ALLA HOME PAGE