Avvocato Civilista su Bergamo e Provincia

L’Avvocato Convertino offre assistenza in ambito di:

  • Eredità

  • Successione ereditaria

  • Testamenti

COMPILA IL MODULO A DESTRA PER FISSARE UN INCONTRO CONOSCITIVO GRATUITO CON L’AVVOCATO

successione ereditaria

Avvocato Civilista: Alcune Informazioni Generali:

Al momento della morte di una persona si “apre” la successione ereditaria, ossia ha inizio l’iter con cui i diritti e le proprietà del defunto sono trasferiti ai suoi eredi.

 

ACCETTAZIONE

Chi è chiamato all’eredità (l’erede) di un defunto può acquisirla solo mediante la cosiddetta “accettazione”, che può essere espressa o tacita.

Chi è chiamato all’eredità di un defunto può accettarla puramente e semplicemente oppure con beneficio d’inventario. In questo caso, il patrimonio del defunto resta distinto dal patrimonio dell’erede.

RINUNCIA

La rinuncia all’eredità è una dichiarazione di non voler accettare il patrimonio lasciato dal defunto (con testamento o senza). La rinuncia deve essere frutto di una scelta libera da condizioni e da termini, gratuita e a favore di tutti gli altri chiamati all’eredità.

QUOTA DI LEGITTIMA

La legge riserva una quota di eredità a favore di certi soggetti legati al defunto da uno stretto rapporto: coniuge e figli principalmente, ma in cert§i casi anche i genitori. Se il defunto fa testamento, una parte dell’eredità è quindi riservata dalla legge a tali soggetti (c.d. “porzione indisponibile”), secondo una quota prefissata a seconda dei casi (c.d. “legittima”).

SUCCESSIONE LEGITTIMA

Nel caso in cui il defunto muoia senza lasciare testamento, o nel caso in cui il testamento sia invalido, la legge attribuisce l’eredità ad alcune categorie di persone dette successibili, essenzialmente legate al defunto da rapporti familiari: coniuge, figli, genitori, fratelli, altri parenti, per ultimo lo Stato. In particolare, se il defunto non fa testamento e non lascia alcun coniuge, figlio, genitore o fratello, la legge attribuisce una quota di eredità ai parenti del defunto entro il 6° grado: in tal caso, il parente di grado più prossimo esclude tutti gli altri.

SUCCESSIONE TESTAMENTARIA

Il testamento è un atto giuridico unilaterale non recettizio mortis causa mediante il quale una persona manifesta il proprio volere e dispone dei propri diritti per il tempo in cui avrà cessato di vivere.

Il testamento nasce dell’idea di attribuire rilevanza alla volontà del de cuius all’interno della successione a causa di morte e permettergli di decidere a chi attribuire i propri beni o diritti.

Le dichiarazioni in esso contenute hanno generalmente contenuto patrimoniale o comunque in grado di produrre effetti giuridici. Tuttavia può contenere anche dichiarazioni di tipo morale, filosofico, politico o di altra specie.

 

Scarica il DEPLIANT “SUCCESSIONI”

 

Articoli Correlati:

 

TORNA ALLA HOME PAGE